TARANTO – E’ stato arrestato nella serata di ieri il pluripregiudicato Salvatore Guarino, 37enne, che si era reso responsabile di una rapina ai danni di una farmacia del centro. L’uomo, intorno alle 11.40 di ieri, infatti, avrebbe fatto irruzione, armato di coltello, in una farmacia in via Salento – quartiere Tamburi – e, sotto minaccia dell’arma, avrebbe intimato al personale dipendente di consegnare l’incasso, per poi tentare di rompere la cassa automatica sbattendola per terra con violenza, senza però riuscirci e dandosi poi alla fuga.

Le segnalazioni pervenute al centralino della polizia identificavano un uomo alto 1.85 cm, di corporatura robusta e in abiti scuri e armato di coltello.

Nei giorni scorsi, erano state diverse le rapine ai danni di farmacie situate in zona Italia e Solito Corvisea, avvenute tutte nell’orario compreso tra le 11:00 e le 12:30 da parte di un uomo di 1.85 cm di altezza, che agiva armato di coltello.

Dopo il primo colpo andato a vuoto, a distanza di dieci minuti, un’altra segnalazione avrebbe identificato un uomo con le stesse caratteristiche fisiche, intento a rapinare un’altra farmacia in via Umbria. Anche in questa circostanza il colpo sarebbe sfumato: il rapinatore sarebbe stato seguito da un uomo che avrebbe così messo in fuga il malfattore. Il rapinatore sarebbe stato poi raggiunto dai Falchi – arrivati immediatamente sul luogo della seconda rapina – dopo un breve inseguimento tra le vie cittadine, mentre tentava di nascondersi in un bar.

I poliziotti hanno recuperato, all’interno della seconda farmacia, il coltello da cucina utilizzato come arma, i guanti in lattice e un borsello nero abbandonati dal rapinatore durante la fuga. Sotto sequestro anche un giubbino nero, uno scaldacollo e denaro – 60 euro – ritrovati sul marciapiede attiguo alla farmacia. All’interno della vettura sono stati poi rinvenuti e sequestrati una mazza di legno di 80 cm e una chiave svitabulloni.

Dopo le formalità di rito, il pluripregiudicato è stato tratto in arresto e accompagnato nel Carcere di Taranto.

© 2019, Alessandra Cannetiello. Tutti i diritti riservati

Lascia un tuo commento