Ritrovato poco fa, sotto le macerie, il corpo senza vita di Simona Carpignano, la giovane tarantina che sei mesi fa si era trasferita in cerca di un’occupazione in Francia. Un terribile epilogo a cui nessuno aveva voluto credere fino a notizia arrivata poco più di un’ora fa. Arriva a 6 il numero dei corpi ritrovati dai vigili del fuoco, fino ad ora. Il corpo della trentenne sarebbe stato trasferito nell’Istituto di medicina legale di Marsiglia.

In queste ore di attesa angosciante, prima della terribile conferma della sua morte, tantissimi sono stati i messaggi degli amici e conoscenti, che hanno sperato per la sua salvezza.

Simona, soprannominata “sorriso”,  lunedì mattina alle 9.30 era lì, in uno dei due edifici crollati a rue d’Aubagne 65 a Marsiglia, nel suo giorno libero. Nella sua vita, in quella che doveva essere una nuova vita, all’estero, costruita con grandi rinunce – la lontananza dagli amici, dai familiari e dalle sue radici – in cerca di un futuro migliore.

 

 

© 2018, redazione. Tutti i diritti riservati

Lascia un tuo commento