Artboard

LECCE- Escalation dei tumori al seno in provincia di Lecce: 650 ogni anno. Molte giovani donne hanno paura dei controlli e non si informano.

A lanciare l’allarme è il senologo Luigi Manca che venerdì scorso è intervenuto all’Hotel Tiziano al corso rivolto a una quindicina di associazioni che operano nel campo della “Prevenzione dei tumori femminili”. Promotore dell’evento il senologo Antonio Carriero, che ha moderato l’incontro dal tema «Riscopriamo noi stesse».

«E’ un paradosso – ha sottolineato – il dr. Manca – Rispetto al passato si sta riducendo l’età di incidenza del tumore alla mammella. La ragazza più giovane che ho operato aveva 24 anni e sono numerose quelle di 25 -27– 30 anni». E aggiunge, «Il tumore colpisce giovani donne giovani che devono avere dei figli o che spesso non sono ancora sposate – spiega Manca – Un problema importante anche sotto il profilo psicologico. Tanto che vi sono mogli o fidanzate che vengono lasciate dal partner. Come dire, il danno e la beffa».

Il dr. Carriero ha insistito sull’unico strumento a nostra disposizione: la prevenzione, la cui importanza non è stata ancora compresa da molte donne. Anche per colpa della scarsa informazione sulle nuove possibilità di indagine oggi a disposizione.

«Dobbiamo cercare di parlare quanto più è possibile di prevenzione – ha ripetuto il dr. Carriero da molti anni nella Senologia del “Vito Fazzi” – Prevenzione vuol dire andare alla ricerca di tumori piccoli, in fase precoce. Una prevenzione che deve poter raggiungere le donne di tutte le classi sociali. Un tumore scoperto quando misura 1 centimetro ha una grande probabilità di guarigione. E oggi – aggiunge – disponiamo di tante novità tecnologiche, come il nuovo mammotome, il nuovo ecografo 3D e tutti i mammografi con tomosintesi in grado di rilevare ogni piccolo nodulo».

Nell’impegno di promuovere la prevenzione, un ruolo fondamentale assumono l’informazione e la comunicazione. A sottolinearne l’importanza è intervenuto l’editore di Telerama Paolo Pagliaro, il quale ha parlato del ruolo fondamentale dell’emittente televisiva che «fa prevenzione attiva anche attraverso le denunce e le inchieste giornalistiche su Ilva, Cerano e sulla scoperta dei rifiuti tossici interrati che avvelenano la falda».

Da parte sua Manca ha ricordato che «dopo una fase di drastica riduzione delle mastectomie (eradicazione del seno, fortemente avversata dal prof. Veronesi) oggi questa tecnica demolitiva riprende ad aumentare». Come mai?

«Oggi vi sono dei test genetici – spiega il senologo Manca – la cui positività predice un’alta probabilità di sviluppare un tumore al seno. Mutazioni genetiche che si chiamano BRCA1 e BRCA2. E’ il test che ha indotto l’attrice Angelina Jolie a sottoporsi a mastectomia totale».

In Italia nel 2015 è nata l’associazione “Abracadabra” che raggruppa le donne positive a questo test e che quasi tutte vogliono fare la mastectomia profilattica.

I test genetici BRCA si fanno anche al “Vito Fazzi” di Lecce (Reparto di Genetica, all’Oncologico) e questo spiega come mai si registra un aumento delle mastectomie.

Purtroppo, nonostante tutto, in provincia di Lecce, «stanno invece aumentando i casi di tumori molto grandi – rileva il dr. Manca – Segno evidente che molte donne non hanno fatto i controlli per paura e questo spero che prima o poi venga eliminato. Il controllo – dice – non deve far paura, anzi deve tranquillizzare».

© 2017, redazione. Tutti i diritti riservati

Lascia un tuo commento