Artboard

Con una nota diffusa attraverso i mezzi stampa Mariagrazia Chianura, Assessore all’ecologia, ambiente e igiene urbana del Comune di Grottaglie ha fatto il punto della situazione in merito agli interventi di disinfestazione in corso in questi mesi nella “Città delle Ceramiche” rivolgendo un appello ai cittadini affinché questi non risultino vani.

 

Il testo delle nota recita: “L’Amministrazione Comunale, l’Acquedotto Pugliese e la Serveco già dal mese di gennaio hanno predisposto gli interventi necessari alla disinfestazione, deblattizzazione e derattizzazione del territorio comunale.

Come nella maggior parte dei casi, la miglior arma a disposizione è la prevenzione. Blatte e ratti si annidano in luoghi chiusi, locali e garage non opportunamente manutenuti e, primo fattore che attira roditori e infestanti, ovunque ci siano rifiuti.

Affinché i periodici interventi calendarizzati dall’ente e dalle aziende non risultino vani, è necessario fare appello alla sensibilità ed al senso civico dei cittadini allo scopo di adottare corretti comportamenti atti a limitare l’entità dei fenomeni.

Blatte e roditori si nutrono di scarti di cibo quindi è fondamentale non abbandonare sulle pubbliche vie avanzi di cibo e conferire i rifiuti ben chiusi all’interno dei cassonetti evitando di abbandonarli ai piedi dei cassonetti. Ricordiamo, inoltre, che l’abbandono di rifiuti è vietato dall’art. 192 del Dlgs 152/2006. Infine è utile chiarire che spesso i focolai sono nascosti nelle condutture private dei condomini o delle singole abitazioni, escluse dagli interventi pubblici. A poco possono valere gli interventi condotti regolarmente sulle aree pubbliche se analoga azione non viene effettuata dai privati nelle fosse settiche condominiali, nei pozzetti d’ispezione delle reti fognarie condominiali e delle private abitazioni. Interventi che possono essere realizzati dagli stessi cittadini attraverso ditte specializzate operanti sul territorio.

Invitiamo, quindi, i cittadini alla collaborazione con l’amministrazione affinché, con l’arrivo dei mesi più caldi, non si assista a una nuova emergenza blatte e topi.”

 

© 2017, redazione. Tutti i diritti riservati

Lascia un tuo commento