Artboard

È stato arrestato dai Carabinieri Guadalupi Antonio, nato brindisi classe 1969, censurato. L’uomo avrebbe sparato all’indirizzo del proprietario di una palestra alla Minnuta.

È accaduto questa mattina a Brindisi in via del lavoro, gli avventori di una palestra sentono almeno tre botti, uno dei quali colpiste la vetrata antisfondamento della sala pesi che rimane scheggiata.

A pochi metri dalla vetrata, esattamente sull’uscio della palestra, si trovava il proprietario dell’esercizio pubblico nei cui confronti sono stati esplosi i colpi.

La vittima, fortunatamente illesa, ha notato un individuo a bordo di una vettura di colore scuro in sosta fuori dalla palestra che, con una pistola in mano che fuoriesce dal finestrino, fa partire alcuni colpi di arma al suo indirizzo.

Il malfattore subito dopo aver sparato fugge via ad elevata velocità ma, nel fuggire, viene visto da una pattuglia di motociclisti della Polizia Municipale che danno subito l’allarme al 112 e la descrizione dell’autore del fatto.

Passano appena 20 minuti e in questa via maestri del lavoro un pattuglia della Stazione Carabinieri di Brindisi Casale ingaggia un inseguimento con l’auto sospetta che termina allo scalo aeroportuale dove, in sosta per vigilanza all’aeroporto, vi era una pattuglia dell’Aliquota di Primo Intervento (A.P.I), il cui personale riusciva a bloccare e trarre in arresto il malfattore, identificato proprio nel Guadalupi Antonio.

L’attività dei Carabinieri è poi proseguita con la perquisizione personale, veicolare e domiciliare a carico del Guadalupi che sarebbe stato trovato in possesso di un coltello a serramanico e di un tirapugni di genere proibito e dello stupefacente.

Dalle prime indagini si sarebbe accertato che l’episodio delittuoso della mattina sarebbe la conseguenza di un acceso diverbio avvenuto nella serata di ieri all’interno di un ristorante cittadino per futili motivi tra la vittima e il Guadalupi.

Nel corso del sopralluogo i militari avrebbero trovato tre bossoli di pistola cal. 6,35 mentre nell’abitazione dell’uomo sono stati trovati centoventi gr. di marijuana e dieci gr. di hascisc.

L’arrestato, che dovrà rispondere dei reati di tentato omicidio, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e porto di oggetti atti ad offendere, è stato portato presso la casa circondariale di Brindisi.

© 2017, redazione. Tutti i diritti riservati

Lascia un tuo commento