E il Frecciarossa sparisce dal Salento alla velocità della luce

0
3.969 Letture

E’ stato breve ma intenso. Il treno Frecciarossa che collega(va) Milano a Lecce, orgoglio dei politici nostrani, pare sia andato via proprio nel suo stile: ad alta velocità. Non c’è ancora una nota ufficiale in merito, ma controllando il sito di Trenitalia, possiamo notare (come nella cattura schermo allegata) che dal 15 gennaio prossimo non è previsto un collegamento diretto da Milano fino a Lecce con il Frecciarossa.

Dunque, il treno ad alta velocità che avrebbe permesso al Salento di uscire dalla gabbia delle obsolete infrastrutture, svanisce in poco meno di un mese. Pare che la decisione sia nata in seguito ad uno scarso flusso di passeggeri nella tratta Bari – Lecce. Il collegamento diretto Milano – Bari e viceversa resta quindi confermato, ma ad essere tagliate fuori sono Brindisi e Lecce ancora una volta.
Per quanto riguarda Taranto, sembra confermato il collegamento diretto con Milano.
Insieme al Frecciarossa, ad alta velocità, viaggiano anche le tante cose dette dai nostri politici a tal proposito. Il Ministero dei Trasporti aveva assicurato un adeguamento degli orari che se applicato, avrebbe garantito sicuramente la permanenza del servizio. Ma così non è stato. Parlare di vergogna forse è superficiale.

“Pronto a risarcire le perdite che Trenitalia teme di avere dall’allungamento della tratta”. Questo è quanto il Governatore della Regione Puglia Michele Emiliano disse lo scorso settembre, proprio in vista dell’estensione della tratta ferroviaria fino a Lecce. E adesso? Cosa avrà intenzione di fare il Presidente Emiliano? Reagire e farsi portavoce di una Puglia sempre più umiliata e sempre più arretrata dal punto di vista infrastrutturale?  Perché – lo ricordiamo a chi siede a Roma – questa Puglia tagliata fuori, questa Puglia arretrata, questa Puglia dimenticata e oggetto di attenzione solo ed esclusivamente in periodo elettorale, tra le tante cose, sta ancora piangendo le 23 vittime del disastro ferroviario di luglio. E quando ci sono colpe non si può parlare di incidenti. Perché sulla Puglia non si investe. In quel caso sarebbero bastati poco più di due milioni di euro per modernizzare quella tratta, l’unica in Italia a binario unico. Figuriamoci il resto, quindi.

Ci avevate creduto davvero alla favola del Frecciarossa?

© 2017, Elena Ricci. Tutti i diritti riservati

Lascia un tuo commento
Condividi
Articolo precedenteeEmergenza maltempo. L’allarme di Coldiretti: “Vengano dichiarate le condizioni di calamità naturale”
Articolo successivoBari – Disagi per la neve, soccorse 50 persone da Polizia e Vigili del Fuoco
Elena Ricci
Ho 25 anni, giornalista pubblicista, e sono laureata in Scienze della Comunicazione. Ho scelto di studiare e scrivere a Taranto, dove vivo da sempre, nonostante la mia prima luce calabrese. Appassionata di web e informazione, ho intrapreso questo meraviglioso lavoro nel 2013. Ho scritto per il quotidiano Taranto Oggi, Periodico Vivavoce e Sostenitori delle Forze dell'Ordine. Per quest'ultimo ho trattato il caso giudiziario Cucchi con una intervista in esclusiva nazionale al comandante della Stazione Carabinieri di Roma Appia, ripresa successivamente dalle maggiori testate nazionali. Attualmente collaboro con il gruppo PugliaPress, firmando il quotidiano, il settimanale e La Voce del Popolo, storico giornale di Taranto. Ho fondato il blog Tarantini Time, firmo anche il Corriere di Taranto e gestisco il portale Forze Armate News al quale sono legata per le stellette che ho indossato a 19 anni, occupandomi di cronaca e sicurezza. I miei settori di pertinenza sono la cronaca nera, giudiziaria e sindacale. Mi occupo volentieri di politica e di inchieste di vario tipo. Se la gente mi stima e mi vuol bene perché scrivo la verità, ne sono felice. Se invece per questo stesso motivo mi odia, bè... là ho vinto. Per contatti elena.riccita@gmail.com o tramite social network